mercoledì 22 novembre 2017

Diversi livelli di pace - 1


Esistono diversi livelli di pace. Il primo corrisponde ad una assenza di problemi, assenza di difficoltà, assenza ad esempio di guerra. La pace tra i popoli, ad esempio. La pace che tante volte hanno firmato i governi, i capi, era la fine di una guerra, quindi “un periodo di pace con un’assenza di guerra”. Ma questo concetto di “assenza” non è solo per
quanto riguarda la guerra.

Pensate alla pace sociale: vuol dire che non ci son cortei, non ci son conflitti, non ci son pasticci per le strade, assenza di pasticci e di problemi per le strade.

Un argomento un po’ delicato è la pace politica. In politica dovrebbe esserci appunto un’assenza di conflitti, un’assenza di scontri almeno a un certo livello, un’assenza di contrasti.

Ma quella della pace non è solo un’idea di assenza a questi livelli esterni. Anche ai livelli più superficiali dell’uomo c’è questa idea di pace; ad esempio, il livello più superficiale è il corpo. Quand’è che il corpo è in pace? Quando non sente dei problemi, delle difficoltà, dei bisogni! Se uno ha mangiato, ha bevuto, ha dormito, è in pace, il suo corpo è in pace. Se uno invece ha qualcosa che non va fisicamente, ecco che il corpo non è in pace.

Anche a livello del corpo noi possiamo capire cosa vuol dire pace come assenza di problemi, assenza di qualcosa di spiacevole. Dal momento che mancano elementi spiacevoli, c’è questa sensazione di pace che si gusta. Ma è proprio solo un po’ a livello superficiale del corpo.
(dalla relazione “
La pace: benessere dentro di sé” svolta dal prof. Ezio Risatti presso l’Associazione di volontariato Chicercatrova onlus - Torino)

Nessun commento:

Posta un commento

Dalla comunicazione alla relazione - 1

La comunicazione e la relazione sono come in un cerchio dove la relazione influenza la comunicazione e viceversa. Se con una perso...